Instagram Italia Sardegna Siti archeologici

Sardegna fuori stagione: 8 cose da vedere

Sardegna fuori stagione

Cosa ti viene in mente se diciamo Sardegna? Chiudi gli occhi: acque cristalline, calette da sogno, porceddu a profusione… Non è un caso che quest’isola sia una delle mete preferite dagli italiani in vacanza. Oggi però vogliamo parlarti di una Sardegna diversa, del suo patrimonio storico-artistico e degli aspetti che possono essere apprezzati anche fuori stagione. Per farlo abbiamo chiesto consiglio a un sardo d’eccezione!

8 cose da vedere in Sardegna fuori stagione

A parlarci delle bellezze della “sua” Sardegna è Francesco Pruneddu, in arte ch_ecco, local manager della community Igers_Sardegna. Gli abbiamo chiesto di consigliarci alcuni luoghi da visitare sull’isola lontano dai percorsi del turismo di massa. Ecco i suoi suggerimenti!

1. Cagliari e il quartiere Castello

Non si può passare per la Sardegna senza fare tappa a Cagliari, città dal ricchissimo patrimonio storico e artistico. Uno dei suoi luoghi simbolo è il quartiere Castello, di origine medievale, fondato su un colle a 100 m sul livello del mare. Qui si trovano alcuni dei monumenti più noti della città, come la Cattedrale, le torri pisane e il Bastione di Saint Remy, oltre che numerosi punti panoramici.

Cagliari (ph. OldGuz, via Flickr)

Ma ad attrarre gli instagramer sono forse di più i suoi caratteristici vicoli, scale, terrazze e piazzette, tra le quali ci si può avventurare a caccia di scatti memorabili.

Insieme a Olbia, Porto Torres e Golfo Aranci, Cagliari è uno dei principali porti d’attracco dei traghetti per la Sardegna. Scegliere di viaggiare in traghetto può essere una buona soluzione se non vuoi preoccuparti di noleggiare un’auto sul posto.

2. Bosa

Bosa è un piccolo comune sulla costa occidentale della Sardegna, in provincia di Oristano. Un vero “scrigno di bellezze”, secondo Francesco, tanto da essere inserito nella lista dei borghi più belli d’Italia. Bosa si divide in due parti: il nucleo medievale, arroccato sul colle di Serravalle, sul quale svetta l’antico Castello dei Malaspina, e il moderno centro abitato a valle.

Bosa (via Pixabay)

Il borgo è attraversato dal fiume Temo, l’unico navigabile della Sardegna: nelle sue acque si specchiano le casette colorate che fanno la gioia di qualsiasi instagramer. È possibile anche fare gite in battello per raggiungere la zona di Bosa Marina, da cui iniziare la scoperta delle bellissime spiagge dei dintorni.

3. Siti nuragici

Ah, il mistero dei nuraghi! Queste costruzioni megalitiche, erette probabilmente nel II millenio a.C., sono la più imponente testimonianza della Civilità nuragica, autoctona della Sardegna.

Santu Antine (ph. Antonello Corona, via Flickr)

Sull’isola sono moltissimi i siti archeologici da visitare. In particolare segnaliamo il nuraghe di Santu Antine, in provincia di Sassari, uno dei più imponenti e meglio conservati, anche chiamato “la casa del re”. Non meno importanti sono il villaggio nuragico di Su Nuraxi di Barumini e il Nuraghe Arrubiu di Orroli, entrambi in provincia del Sud Sardegna.

Altri siti archeologici degni di visita sono quelli di Bitti, in provincia di Nuoro: Romanzesu col suo santuario nuragico e la fonte sacra Su Tempiesu.

4. Pula

A Pula, in provincia di Cagliari, mare e archeologia si uniscono. Qui si trovano infatti i resti dell’antica città di Nora, fondata dai Fenici e poi diventata città romana. Le acque turchesi della Sardegna fanno da sfondo al grande complesso sacro dedicato a Esculapio e al tophet, cimitero fenicio per bambini.

Nora (ph. Norbert Nagel, via Wikimedia Commons)

Proprio qui fu rinvenuta la Stele di Nora, con iscrizioni in alfabeto fenicio: è considerata il più antico documento scritto del Mediterraneo occidentale.

5. Nuoro e i suoi musei

La provincia di Nuoro è particolarmente frequentata in estate per la vicinanza con il bellissimo golfo di Orosei. Ma il nostro Francesco consiglia di fare un salto anche in città, per visitare due musei: il Museo di arte contemporanea MAN, un’istituzione di riferimento per gli artisti sardi, e il museo etnografico.

6. Giara di Gesturi

Veniamo ora alle bellezze naturalistiche. Tra i luoghi più affascinanti da visitare fuori stagione c’è sicuramente la Giara di Gesturi, altopiano della Sardegna centro-meridionale. Qui vivono gli ultimi cavalli selvaggi d’Europa, i cavallini della Giara. Luogo di ritrovo per questi animali sono i paulis, acquitrini che si formano nelle depressioni del terreno. Osservare i cavallini abbeverarsi al tramonto… questo sì che è uno spettacolo memorabile.

Cavallini della Giara (ph. STEP FREE, via Flickr)

7. Trekking vista mare

La Sardegna è una terra santa per gli amanti del trekking, specialmente fuori stagione. I percorsi di trekking lungo la costa orientale dell’isola offrono scenari mozzafiato sulle cale dell’Ogliastra, come Cala Mariolu, Cala Luna, Cala Biriola e Cala Sisine. Non ci credi? Da’ uno sguardo alla galleria di Antonio Sedda su Instagram e capirai di cosa sto parlando!

>Corsica fuori stagione, scopri l’isola della bellezza

8. Zona del Sulcis

Anche la zona del Sulcis, nell’estremo sud-ovest della Sardegna, regala escursioni uniche. Il territorio è disseminato di miniere dismesse, come la grande miniera di Serbariu e Porto Flavia. I panorami costieri sono superbi: da non perdere la spiaggia di Masua e il Pan di Zucchero, un isolotto calcareo considerato il faraglione più alto d’Europa. Prendi un tramonto, una macchina fotografica e vai a spaccare l’Instagram!

Pan di Zucchero (ph. Caterina Pilloni, via Flickr)

Amici sardi e non, adesso tocca a voi! Quali altri luoghi avremmo dovuto mettere in lista? Sbizzarritevi con i consigli!

Nell’articolo sono presenti immagini di altri autori. Per conoscerne l’attribuzione cliccare o far scorrere il mouse sulle stesse. 

16 Comments

  • Reply
    Pietrolley
    giugno 22, 2017 at 9:34 am

    Ne so poco e nulla, l’unico posto dove sono stato è appunto Bosa, molto bella!
    A dire il vero se penso alla Sardegna mi verrebbe solo da fare il tour delle calette 😁 Ma un giretto per il centro di Cagliari lo farei volentieri!

    • Reply
      tiziana
      giugno 22, 2017 at 10:53 am

      Un giro a Cagliari e anche al resto del Sud Sardegna lo consiglio. Si respire molto l’autentica aria sarda. Cagliari è una bellissima città e se vai verso ovest(Costa Rei) scopri degli scenari bellissimi.

      • Reply
        Chiara Pagliochini
        giugno 23, 2017 at 11:59 am

        E’ da tanto tempo che voglio tornare in Sardegna, spero di avere presto l’occasione!

    • Reply
      Chiara Pagliochini
      giugno 23, 2017 at 11:58 am

      Anch’io quando sono stata in Sardegna ho visto quasi solo mare, ma credo sia normale, è talmente splendido. La limpidezza delle acque della Sardegna l’ho ritrovata solo a Creta. Ma la prossima volta che ci vado provo a fare anche un po’ di sano turismo culturale!

  • Reply
    Francesca Basilone (@F_Basilone)
    giugno 22, 2017 at 3:31 pm

    Molto belli e imperdibili i posti segnalati. Ma ne mancano tanti altri. La splendida Alghero e il meraviglioso Sinis. Le dune imponenti di Piscinas. Tiscali e Gorropu per gli amanti del free climbing e del trekking. E come si può non andare nel paradisiaco Arcipelago de La Maddalena. E sono certa che ne mancano ancora…

    • Reply
      Chiara Pagliochini
      giugno 23, 2017 at 12:00 pm

      Ciao Francesca! Sono sicura che non si finirebbe mai di elencare! Della Maddalena e Caprera mi sono innamorata anni fa e spero di dedicare loro una vacanza apposita molto presto 🙂

  • Reply
    Map & Fork
    giugno 22, 2017 at 6:39 pm

    Abbiamo fatto quasi lo stesso giro 🙂 Non dimenticate però la prossima volta, di aggiungere anche Orgosolo e i suoi fantastici murales!

    • Reply
      Chiara Pagliochini
      giugno 23, 2017 at 12:00 pm

      Ho visto delle foto e sono veramente uno stupore, spero di poterli presto vedere dal vivo! 🙂

  • Reply
    Bruna Athena
    giugno 23, 2017 at 8:09 am

    Saremo in Sardegna ad agosto e mi piacerebbe fare TUTTO, dal mare al trekking! Purtroppo una settimana non basta, nemmeno on the road 🙁

    • Reply
      Chiara Pagliochini
      giugno 23, 2017 at 12:01 pm

      Minimo minimo due settimane, e comunque si riesce a fare solo un piccolo tratto di costa! Per questo non ci si stanca mai di tornare, tornare…

      • Reply
        Bruna Athena
        giugno 23, 2017 at 12:07 pm

        Esatto! Tornare diventa un imperativo categorico 😛

  • Reply
    SognandoViaggi
    giugno 23, 2017 at 11:58 am

    Sono stata in Sardegna in famiglia tre volte e all’epoca avevamo privilegiato mare e spiagge (fantastiche!). Se dovessi tornarci non mi dispiacerebbe vedere anche questo volto meno noto, è una regione sorprendente!

    • Reply
      Chiara Pagliochini
      giugno 23, 2017 at 12:02 pm

      Io sono stata in Sardegna anni fa, e come te concentrandomi prevalentemente su mare e spiagge. La prossima volta non mi dispiacerebbe fare qualche deviazione culturale, specialmente questa storia dei cavallini della Giara mi affascina molto! 🙂

  • Reply
    Blueberry Stories
    giugno 25, 2017 at 1:14 pm

    Sardegna SEMPRE fuori stagione. Una meraviglia: colori e profumi, sapori e panorami tutti da godere senza il caldo estivo. Io ho un debole per il sud e l’ovest dell’isola, dove si trovano zone ancora selvagge e perfino dune di sabbia che ricordano il deserto. Che terra splendida, la Sardegna: uno dei gioielli d’Italia.

  • Reply
    La Folle
    giugno 25, 2017 at 4:11 pm

    Non so dirti quali altri luoghi aggiungere perché in Sardegna non ci sono mai stata, ma si parla davvero troppo poco della sua parte culturale. Per esempio la zona del Sulcis mi piacerebbe un sacco!

  • Reply
    Vanessa 1989
    luglio 5, 2017 at 5:44 pm

    Ciaoooo a tuttiii. Io vorrei andare in Sardegna a Ottobre. Secondo voi è un buon periodo? Considerato che arriverò in aereo all’aeroporto di Cagliari e quasi sicuramente prenderò un’auto a noleggio (penso su http://www.tinoleggio.it), voi cosa mi consigliate di visitare? Grazie di cuore

  • Rispondi

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: